Articoli

Ingegneri, architetti e geometri

Come progettare un ascensore esterno

 

Come Progettare un ascensore esterno

Ascensore esterno e problematiche condominiali

Ovviamente andare d’accordo tra vicini dovrebbe essere prima di tutto un senso di civiltà, ma la civiltà oggi si limita solo ad avere una buona tecnologia, magari ottime auto di livelli medio alti, essere abbastanza furbi da sfruttare il prossimo e possibilmente senza dire grazie e tutto termina qua.

Se andiamo a cercare sul vocabolario civiltà è evoluzione anche nei rapporti con le persone e rapporti civili sono rapporti evoluti. Ecco che laddove ci si trova a dovere prendere delle decisioni importanti che riguardano la collettività, vuoi per scarsa conoscenza, vuoi perché qualcuno pratica come sport nazionale quello di intralciare deliberatamente la libertà altrui, in maniera più o meno palese, ecco che cominciano i guai. Allora non basta più solo un tecnico, ma ci vorrebbe continuamente un avvocato tecnico.

Oppure semplicemente ci si deve fermare, fare dieci respirazioni, sfoderare il più raggiante dei sorrisi ed informarsi in modo approfondito e senza dare possibilità di replica.

Intanto all’interno dell’assemblea condominiale l’ascensore può essere fatto e pagato anche da un solo condomino, laddove ce ne sia la necessità, senza che gli altri condomini possano opporsi, sono esonerati dal pagare ovviamente e ovviamente l’opera non deve essere causa d’instabilità strutturale. E’ vero che un condomino può opporsi e bloccare i lavori laddove si può presentare il caso d’inservibilità di parti comuni. Il concetto di inservibilità della cosa comune non può però consistere nel semplice disagio subìto rispetto alla sua nomale utilizzazione, ma è costituito dalla sua concreta inutilizzabilità secondo la sua naturale fruibilità (Cassazione, sentenza n. 18334/2012).

Varie sono le sentenze che legittimano la costruzione di un ascensore condominiale al fine di rendere accessibile un immobile.

Esiste in ogni caso un “principio di solidarietà condominiale” che ha un peso nelle decisioni tra vicini di casa, soprattutto se agevolano chi è disabile oppure semplicemente anziano.

Il principio è stato recepito, oltre che da consolidata giurisprudenza (vedi da ultimo Cassazione, n. 16486/2015), anche dalla riforma del condominio (legge n. 220/2012), che modificando l’articolo 1120 del Codice civile ha disposto che le innovazioni dirette ad eliminare le barriere architettoniche, tra cui appunto l’installazione dell’ascensore, possono essere deliberate con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti in assemblea portatori di almeno la metà del valore millesimale.

La disciplina si applica in via generale a tutti gli edifici, non necessariamente solo a quelli in cui dimorino soggetti affetti da menomazioni o limitazioni funzionali permanenti, perché la norma serve a consentire la “visitabilità” degli edifici da parte di tutti coloro che hanno occasione di accedervi, compresi eventuali portatori di handicap. Persone condominiale.

 

 

Le detrazioni fiscali per ristrutturazioni

Per il 2016 si può fruire di detrazione del 50% per interventi di ristrutturazione e detrazioni fiscali del 65% per il risparmio energetico. Ne possono beneficiare le persone fisiche, compresi gli esercenti di arti e professioni; i contribuenti che conseguono reddito d’impresa; le associazioni tra professionisti; gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale purché siano soggetti al pagamento dell'Ires (dunque non i Comuni ad esempio). Possono fruire dell’agevolazione anche i titolari di un diritto reale sull’immobile; i condomini, per gli interventi sulle parti comuni condominiali; gli inquilini; i familiari del possessore. Gli interventi devono essere eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti, di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali (per l’attività d’impresa o professionale). Non sono agevolabili, quindi, le spese effettuate in corso di costruzione. Nelle ristrutturazioni per le quali è previsto il frazionamento dell’unità immobiliare, con conseguente aumento del numero delle stesse, il beneficio è compatibile unicamente con la realizzazione di un impianto termico centralizzato a servizio delle suddette unità. Interventi incentivati: .Riqualificazione globale su edifici esistenti, ossia l'insieme di interventi che facciano conseguire determinati miglioramenti delle prestazioni energetiche: si possono detrarre fino a 100mila euro (cioè il 65% di una spesa di circa 154 mila euro). •Coibentazione di pareti, soffitti o la sostituzione di finestre e serramenti con altri con particolari prestazioni di isolamento (fino a 60mila euro di detrazione fiscale); •Installazioni di pannelli solari termici (fino a 60mila euro); •Sostituzione della caldaia con un modello a condensazione (fino a 30mila euro); •Installazione di pompe di calore ad alta efficienza e impianti geotermici a bassa entalpia (fino a 30 mila euro) ecc. •Acquisto e posa in opera delle schermature solari elencate nell’allegato M del decreto legislativo n. 311/2006 (fino a 60mila euro - si veda lo Speciale Tecnico di QualEnergia.it) •Acquisto e installazione di impianti di climatizzazione invernale a biomasse (fino a 30mila euro); •Acquisto, installazione e messa in opera di sistemi di domotica, ossia multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda e clima ecc.•Acquisto e installazione di impianti di climatizzazione invernale a biomasse (fino a 30mila euro); •Acquisto, installazione e messa in opera di sistemi di domotica, ossia multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda e clima ecc. Si porta in detrazione dall'Irpef o dall'Ires su 10 anni, tramite quote di pari importo, il 65% della spesa sostenuta. Non è cumulabile - per i medesimi interventi – con la detrazione del 50% per le ristrutturazioni o con altri incentivi come il conto termico (cui hanno diritto, in alternativa alla detrazione, pannelli solari termici e pompe di calore). Sono detraibili tutte le spese concernenti i lavori, anche quelle di progetto e amministrative. La documentazione necessaria per la richiesta •Fatture e ricevute comprovanti le spese sostenute, ricevute dei bonifici di pagamento. •L’asseverazione di un tecnico abilitato che attesti la rispondenza dell’intervento ai requisiti richiesti. Per finestre comprensive di infissi, caldaie e pannelli solari questa può essere sostituita da una certificazione fornita dal produttore. •L’attestato di certificazione o di qualificazione energetica, tranne che per pannelli solari o sostituzione finestre. La scheda informativa relativa agli interventi realizzati Tra l’altro si ventila che con la nuova legge di stabilità 2017 ci sia una proroga delle agevolazioni fiscali sia per quanto riguarda gli ecobonus, sia per quanto riguarda le agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie i cu incentivi di detrazioni del 50% saranno prorogati a tutto il 2017. Tra l’altro l’impianto legislativo sembra rimanere immutato e quindi come per questo anno anche per il prossimo per chi effettuerà una ristrutturazione sarà possibile fruire delle detrazione del 50% anche per l’acquisto mobili. Ci saranno anche delle novità per i condomini, dove le percentuali di detrazioni aumenteranno anche del 75% per quanto riguarda il risparmio energetico e si sta ipotizzando di elevarlo all‘80% mentre il Governo spinge fortemente una defiscalizzazione pari all‘85% per le opere antisismiche. Geom. Maria Antonella Bonfiglio Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come realizzare un ascensore esterno

Ascensore esterno e problematiche condominiali

Ovviamente andare d’accordo tra vicini dovrebbe essere prima di tutto un senso di civiltà, ma la civiltà oggi si limita solo ad avere una buona tecnologia, magari ottime auto di livelli medio alti, essere abbastanza furbi da sfruttare il prossimo e possibilmente senza dire grazie e tutto termina qua.

Se andiamo a cercare sul vocabolario civiltà è evoluzione anche nei rapporti con le persone e rapporti civili sono rapporti evoluti. Ecco che laddove ci si trova a dovere prendere delle decisioni importanti che riguardano la collettività, vuoi per scarsa conoscenza, vuoi perché qualcuno pratica come sport nazionale quello di intralciare deliberatamente la libertà altrui, in maniera più o meno palese, ecco che cominciano i guai. Allora non basta più solo un tecnico, ma ci vorrebbe continuamente un avvocato tecnico.

Oppure semplicemente ci si deve fermare, fare dieci respirazioni,  sfoderare il più raggiante dei sorrisi ed informarsi in modo approfondito e senza dare possibilità di replica.

Intanto all’interno dell’assemblea condominiale l’ascensore può essere fatto e pagato anche da un solo condomino, laddove ce ne sia la necessità, senza che gli altri condomini possano opporsi, sono esonerati dal pagare ovviamente e ovviamente l’opera non deve essere causa d’instabilità strutturale. E’ vero che un condomino può opporsi e bloccare i lavori laddove si può presentare il caso d’inservibilità di parti comuni. Il concetto di inservibilità della cosa comune non può però consistere nel semplice disagio subìto rispetto alla sua nomale utilizzazione, ma è costituito dalla sua concreta inutilizzabilità secondo la sua naturale fruibilità (Cassazione, sentenza n. 18334/2012).

Varie sono le sentenze che legittimano la costruzione di un ascensore condominiale al fine di rendere accessibile un immobile.

 Esiste in ogni caso un “principio di solidarietà condominiale” che ha un peso nelle decisioni tra vicini di casa, soprattutto se agevolano chi è disabile oppure semplicemente anziano.

 Il principio è stato recepito, oltre che da consolidata giurisprudenza (vedi da ultimo Cassazione, n. 16486/2015), anche dalla riforma del condominio (legge n. 220/2012), che modificando l’articolo 1120 del Codice civile ha disposto che le innovazioni dirette ad eliminare le barriere architettoniche, tra cui appunto l’installazione dell’ascensore, possono essere deliberate con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti in assemblea portatori di almeno la metà del valore millesimale.

 La disciplina si applica in via generale a tutti gli edifici, non necessariamente solo a quelli in cui dimorino soggetti affetti da menomazioni o limitazioni funzionali permanenti, perché la norma serve a consentire la “visitabilità” degli edifici da parte di tutti coloro che hanno occasione di accedervi, compresi eventuali portatori di handicap. Persone  condominiale.

 Geom. Maria Antonella Bonfiglio

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I nuovi aiuti e finanziamenti 2016 alle Imprese Agricole

Ormai è partiti anche i Piemonte gli aiuti alle aziende agricole, che dire, in ritardo, molto in ritardo.
Il Piemonte è stato il fanalino di coda, l’importante è partire.
Due per ora le misure operative e prossimamente una terza, anzi mi correggono la terza appena aperta.
Una riservata ai giovani e l’altra alle aziende più consolidate che intendono raggiungere nuovi obiettivi.
Forse per la prima volta si sta operando davvero in un’ottica imprenditoriale, guardando ai contributi non come a una manna caduta dal cielo, ma come ad una possibilità d’investimento imprenditoriale.
Un concetto difficile in Agricoltura.
Forse ci siamo arrivati o ci stiamo giungendo, per colpadi tutti, non mi interessa se qualcuno sarà seccato o si seccherà per ciò che dico, si secchi pure. Forse è finita l’epoca dei finanziamenti facili, del tutto è possibile l’epoca dei finanziamenti finalizzati a se stessi. L’epoca in cui si faceva una faticaccia terribile per avanzare con un’azienda innovativa! Ne so qualcosa sulla mia pelle quando nel lontano 1995 misi su un’azienda di" trasformazione prodotti agricoli0", mini filiera di frutta e ortaggi e trasformazione in azienda. Un’idea nata da un film. Poi dopo l’idea, l’azione, ovviamente il prodotto ricercato, ma non competitivo, non industriale, mi trovai a combattere da sola con la produzione, trasformazione, crescita dell’azienda e zero aiuti.
Un articolo sul giornale: Il geometra delle confetture, si soddisfazioni sicuramente perché il prodotto era piaciuto, ma forse l’idea non basta? Non è vero, di questo, ne sono sicura. L’idea è l’inizio è che quando s'inizia non sempre si è compresi e i finanziamenti di qualche anno fa non premiavano le innovazioni e le idee.
La mia idea di allora era troppo avanti per i tempi. Oggi si parla di diversificazione, di filiera, d'innovazione, allora di ricoveri attrezzi, di trattori. Oggi di crescita di finalità produttiva, di aumento dell’occupazione ecc.
Comunque oggi direi che ci sono opportunità e buone finalità.
Unica cosa è avere le idee chiare e credere in quello che si vuole raggiungere, insomma credere in un sogno. Allora io arrivai a crederci a tal punto che tre anni fa m’invitarono a una fiera, peccato che non avessi più prodotto perché: le strade si biforcano sono a volte tortuose, in discesa in salita, a volte la vita è strana.
Comunque amo l’agricoltura e ho un’attrazione irresistibile per tutte quelle aziende che hanno idee e perciò se qualcuno avesse bisogno di un suggerimento, può tranquillamente prendere contatto con la sottoscritta.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Geom. Maria Antonella Bonfiglio

blogg.jpg

Login

Seguici su facebook

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Cliccando OK, proseguendo nella navigazione o interagendo con la pagina acconsenti all'utilizzo dei cookie

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

What Are Cookies

As is common practice with almost all professional websites this site uses cookies, which are tiny files that are downloaded to your computer, to improve your experience. This page describes what information they gather, how we use it and why we sometimes need to store these cookies. We will also share how you can prevent these cookies from being stored however this may downgrade or 'break' certain elements of the sites functionality.

For more general information on cookies see the Wikipedia article on HTTP Cookies...

How We Use Cookies

We use cookies for a variety of reasons detailed below. Unfortunately in most cases there are no industry standard options for disabling cookies without completely disabling the functionality and features they add to this site. It is recommended that you leave on all cookies if you are not sure whether you need them or not in case they are used to provide a service that you use.

Disabling Cookies

You can prevent the setting of cookies by adjusting the settings on your browser (see your browser Help for how to do this). Be aware that disabling cookies will affect the functionality of this and many other websites that you visit. Disabling cookies will usually result in also disabling certain functionality and features of the this site. Therefore it is recommended that you do not disable cookies.

The Cookies We Set

If you create an account with us then we will use cookies for the management of the signup process and general administration. These cookies will usually be deleted when you log out however in some cases they may remain afterwards to remember your site preferences when logged out.

We use cookies when you are logged in so that we can remember this fact. This prevents you from having to log in every single time you visit a new page. These cookies are typically removed or cleared when you log out to ensure that you can only access restricted features and areas when logged in.

This site offers newsletter or email subscription services and cookies may be used to remember if you are already registered and whether to show certain notifications which might only be valid to subscribed/unsubscribed users. 

From time to time we offer user surveys and questionnaires to provide you with interesting insights, helpful tools, or to understand our user base more accurately. These surveys may use cookies to remember who has already taken part in a survey or to provide you with accurate results after you change pages.

When you submit data to through a form such as those found on contact pages or comment forms cookies may be set to remember your user details for future correspondence.

In order to provide you with a great experience on this site we provide the functionality to set your preferences for how this site runs when you use it. In order to remember your preferences we need to set cookies so that this information can be called whenever you interact with a page is affected by your preferences.



Third Party Cookies

In some special cases we also use cookies provided by trusted third parties. The following section details which third party cookies you might encounter through this site.

This site uses Google Analytics which is one of the most widespread and trusted analytics solution on the web for helping us to understand how you use the site and ways that we can improve your experience. These cookies may track things such as how long you spend on the site and the pages that you visit so we can continue to produce engaging content.

For more information on Google Analytics cookies, see the official Google Analytics page.

From time to time we test new features and make subtle changes to the way that the site is delivered. When we are still testing new features these cookies may be used to ensure that you receive a consistent experience whilst on the site whilst ensuring we understand which optimisations our users appreciate the most.

As we sell products it's important for us to understand statistics about how many of the visitors to our site actually make a purchase and as such this is the kind of data that these cookies will track. This is important to you as it means that we can accurately make business predictions that allow us to monitor our advertising and product costs to ensure the best possible price.

The Google AdSense service we use to serve advertising uses a DoubleClick cookie to serve more relevant ads across the web and limit the number of times that a given ad is shown to you.

For more information on Google AdSense see the official Google AdSense privacy FAQ.

We use adverts to offset the costs of running this site and provide funding for further development. The behavioural advertising cookies used by this site are designed to ensure that we provide you with the most relevant adverts where possible by anonymously tracking your interests and presenting similar things that may be of interest.

In some cases we may provide you with custom content based on what you tell us about yourself either directly or indirectly by linking a social media account. These types of cookies simply allow us to provide you with content that we feel may be of interest to you.

Several partners advertise on our behalf and affiliate tracking cookies simply allow us to see if our customers have come to the site through one of our partner sites so that we can credit them appropriately and where applicable allow our affiliate partners to provide any bonus that they may provide you for making a purchase.

We also use social media buttons and/or plugins on this site that allow you to connect with your social network in various ways. For these to work the following social media sites including; Facebook, Twitter, will set cookies through our site which may be used to enhance your profile on their site or contribute to the data they hold for various purposes outlined in their respective privacy policies.



More Information

Hopefully that has clarified things for you and as was previously mentioned if there is something that you aren't sure whether you need or not it's usually safer to leave cookies enabled in case it does interact with one of the features you use on our site. However if you are still looking for more information then you can contact us through one of our preferred contact methods.

Email: meetto87@gmail.com